Termini e Condizioni d’uso Spedizionecomoda.it

Premessa

Il presente documento contiene i termini e le condizioni del servizio di trasporto offerto dalla società , mediante il sito internet , agli utenti del sito che si avvalgono del servizio.

I presenti termini e condizioni hanno valore contrattuale: utilizzando il sito ed avvalendosi dei servizi di spedizione forniti tramite esso, l’utente accetta le presenti regole contrattuali ed in particolare quelle presenti sul sito al momento dell’acquisto del servizio.

Il sito web spedizionecomoda.it si riserva il diritto di aggiornare le presenti regole contrattuali in qualsiasi momento e le regole contrattuali accettate si intendono quelle presenti sul sito al momento della sottoscrizione del servizio da parte dell’utente.

Termini generali del contratto

In accordo all’art. 1737 del Codice Civile, “il contratto di spedizione è un mandato col quale lo spedizioniere assume l’obbligo di concludere, in nome proprio e per conto del mandante, un contratto di trasporto e di compiere le operazioni accessorie.”

Nel quadro del presente servizio lo spedizioniere è la società “”, e il “mandante” è il cliente o utente del sito web spedizionecomoda.it, che incarica lo spedizioniere all’effettuazione del servizio.

Il contratto si intende stipulato tra tali due parti nel momento in cui l’utente del sito spedizionecomoda.it sottoscrive un servizio di spedizione mediante tale sito web, accettandone contestualmente i termini ed effettuando il pagamento.

L’Utente, al momento dell’acquisto dei servizi offerti dal sito spedizionecomoda.it, conferisce quindi il mandato alla società di concludere, in suo nome e conto, un contratto di trasporto con un corriere incaricato da tale società a propria discrezione, ovvero di agire direttamente come vettore.

Definizioni utilizzate nel presente contratto

“spedizioniere”, “mandatario”, “società” o “titolare”. La società “”, iscritta nel registro delle imprese _________________________________.

“sito”. È il sito “spedizionecomoda.it”. Si prega di fare riferimento alla relativa informativa sulla privacy
https://www.spedizionecomoda.it/informativa-privacy/ per i termini di utilizzo dei dati personali connessi all’utilizzo del sito ed al servizio da esso offerto.

“committente”, “mandante”, “cliente”, “utente”, “mittente”. È il soggetto che richiede il servizio di spedizione al titolare del sito spedizionecomoda.it. Il mittente può essere un delegato dell’utente ma quest’ultimo ne assume la responsabilità.

“vettore”, “corriere”, “trasportatore”, “incaricato alla consegna”. Il soggetto, fisico o giuridico, che prende in consegna la spedizione al mittente e la consegna al destinatario. Il vettore può essere un soggetto terzo rispetto lo spedizioniere con cui quest’ultimo ha sottoscritto un contratto.

“articoli proibiti”: ………….

“merci di valore” : ………….

“pallet”: ………….

“spedizione non standard” : ………….

“fattura doganale”: i documenti previsti da stampare a cura dell’utente per lo sdoganamento della merce.

“capo”. La merce oggetto della spedizione. Un capo può essere un documento, un pacco, pallet, o “non standard”, ed una spedizione può includere più capi.

“area utente”. L’area del sito accessibile mediante registrazione e login.

“lettera di vettura”, “documenti di spedizione”. I documenti da abbinare alla spedizione e forniti all’utente da parte del sito al completamento dell’ordine di spedizione.

Scopo del sito

Il sito “spedizionecomoda.it” permette di spedire documenti, pacchi, pallet, e capi dalle caratteristiche particolari (“spedizione non standard”) entro il territorio nazionale, oppure di effettuare spedizioni dall’Italia all’estero, mediante un’interfaccia efficace e senza bisogno di registrarsi preventivamente al sito.

Effettuazione dell’ordine

L’effettuazione dell’ordine si articola in quattro passaggi.

1) Ordine. L’utente inserisce nel modulo online la località di partenza in Italia, la località di spedizione (inclusa la nazione, se all’estero), la tipologia di spedizione (pacco, pallet, o “non standard”) il peso e le dimensioni (altezza, larghezza, profondità).

2) Riepilogo. In questo passaggio viene richiesto a) il nome del mittente, b) il cognome, c) l’indirizzo email, d) la data di ritiro. Viene inoltre data l’opportunità di aggiungere un numero arbitrario di capi. Viene richiesto di inserire l’indirizzo di ritiro (nome e cognome del mittente, località, indirizzo di ritiro, telefono del mittente, note aggiuntive). Viene richiesto di inserire l’indirizzo di spedizione (nome e cognome del destinatario, email, località, indirizzo di spedizione, telefono del destinatario, note aggiuntive), e infine di accettare i presenti termini e condizioni.

Viene di seguito visualizzata un’anteprima di tutti i dettagli inseriti.

3) Pagamento. Vengono richieste le informazioni di pagamento: numero della carta di credito, mese e anno di scadenza, codice di controllo. Nome e cognome dell’intestatario della carta (può essere diverso da quello del mittente).

4) Conferma ordine. Una volta che il pagamento è stato effettuato l’ordine si intende perfezionato e viene preso in consegna. È questo il momento in cui il contratto viene stipulato formalmente.

5) L’utente riceve alla casella email indicata i documenti di spedizione. Essi devono essere stampati in tre copie, una da applicare alle merci da spedire, una da far firmare al corriere e trattenere come ricevuta, ed una da consegnare al corriere se richiesto. Tali documenti possono includere la fattura doganale ove previsto. Nella stessa comunicazione l’utente riceve il numero di ordine grazie al quale poter effettuare il tracking della spedizione tramite il contact form all’interno del sito web (indicando il numero di ordine) oppure inviando un’email a info@spedizionecomoda.it

Correttezza delle informazioni fornite e penali

Al momento della sottoscrizione dell’ordine l’utente è pienamente responsabile dei dati inseriti. In particolare, egli accetta di farsi carico dei costi aggiuntivi ove il peso della spedizione o le dimensioni eccedessero i valori dichiarati, nella misura in cui questi vengono addebitati dal vettore allo spedizioniere, e per tutte le spese aggiuntive di stoccaggio, movimentazione, giacenza, connesse al peso ed alle dimensioni effettive in eccedenza di quelle dichiarate.

Consigliamo pertanto i nostri utenti di inserire sul sito i valori di peso e dimensioni considerandoli sempre per eccesso, in particolare in caso di valori decimali. Il peso volumetrico della spedizione viene calcolato dal sito spedizionecomoda.it in modo automatico, mentre il peso e le dimensioni dell’imballaggio devono sempre essere inclusi nel calcolo del peso e delle dimensioni comunicati.

L’utente si fa anche carico delle spese aggiuntive di trasporto e logistico-amministrative connesse all’inserimento di dati errati riguardanti la spedizione, ad esempio in relazione alla destinazione ed ai dati del destinatario, e nella misura in cui tali spese aggiuntive vengono addebitate dal vettore allo spedizioniere.

Revoca dell’ordine da parte dello spedizioniere

Per adempiere al mandato di spedizione concesso dall’utente nel modo più efficiente e rapido possibile, l’ordine si intende preso in consegna al momento dell’acquisto e contestualmente all’invio dei documenti di spedizione (contenenti in particolare il numero di ordine) da parte dello spedizioniere al mittente e quindi il contratto si intende stipulato nello stesso momento.

Tuttavia, lo spedizioniere ha la facoltà di revocare unilateralmente il mandato “per giusta causa”, ovvero in particolare ove, per qualsiasi sopraggiunta circostanza, egli constati di non essere in grado di assolvere all’incarico a beneficio del mandatario in relazione allo scopo del mandato.

In tal caso egli è tenuto ad informare tempestivamente il mandatario, e, se possibile, produrre documentazione in merito all’impedimento. Lo spedizioniere in caso di revoca dell’ordine per giusta causa, non è tenuto alla corresponsione di alcun danno a beneficio dell’utente, salvo il rimborso totale del costo dell’ordine già pagato da parte dell’utente.

Termine di consegna e ritardo

L’utente solleva esplicitamente il mandatario dalle responsabilità per ritardo, incluse le responsabilità di genere extra-contrattuale, salvo il rimborso totale dell’ordine effettuato.

Laddove in conformità all’articolo 1457 c.c. il termine di consegna costituisca carattere di essenzialità della spedizione, l’utente è tenuto a comunicarlo esplicitamente allo spedizioniere, nella fattispecie mediante la casella “Note aggiuntive” del passaggio 2) dell’invio dell’ordine.

Lo spedizioniere in questo caso può inviare all’utente comunicazione di revoca del mandato, che si intende revocato per giusta causa ai sensi dell’articolo 1727 c.c., se il mandatario constata di non essere in grado di soddisfare il mandato dandone tempestiva comunicazione all’utente.

Contestualmente, lo spedizioniere trasferisce all’utente l’importo totale già pagato dell’ordine.

Cancellazione o modifica dell’ordine

L’utente può cancellare o modificare l’ordine prima che la merce sia stata consegnata al destinatario (e dunque prima che il servizio di spedizione sia stato assolto).

In tutti i casi di cancellazione o modifica dell’ordine l’utente è tenuto a pagare le spese connesse: se l’utente intende cancellare l’ordine e la cancellazione avviene prima che la merce sia stata presa in consegna dal vettore, l’utente è tenuto a rimborsare il mandatario delle spese amministrative; se la cancellazione dell’ordine avviene dopo che la merce è stata presa in consegna dal vettore essa si intenderà quale modifica dell’ordine, con rientro della merce al mittente, per cui l’utente sarà tenuto a pagare spese amministrative, spese originarie della spedizione, e spese aggiuntive di rientro della spedizione.

Le spese amministrative di cancellazione o modifica dell’ordine sono analoghe a quelle che vengono ordinariamente addebitate all’utente per l’ordine di spedizione: lo spedizioniere si impegna a non imporre spese amministrative connesse alla cancellazione o modifica dell’ordine, maggiori del doppio di quelle normalmente addebitate all’utente al momento dell’acquisto di un ordine di spedizione (incluse nel prezzo totale della spedizione).

Spedizione non ritirata

Il vettore effettua di norma fino a tre tentativi di consegna. Dopo ciascun tentativo di consegna fallito, lo spedizioniere chiederà istruzioni all’utente (ovvero metterà a disposizione dell’utente un modulo per inviare proprie istruzioni nell’area riservata del sito) con lo scopo di facilitare la consegna della merce da parte del vettore.

Se tutti i tentativi di consegna della merce falliscono, essa viene posta in giacenza per 5 giorni lavorativi presso il centro convenzionato del vettore più vicino, allo scadere dei quali, se la merce non viene ritirata da parte del destinatario o da altra persona incaricata dall’utente, il sito spedizionecomoda.it si riserva il diritto di rinviare la merce al mittente a carico dell’utente, con addebito delle spese relative a un ordine equivalente effettuato sullo stesso sito spedizionecomoda.it, più eventuali spese amministrative connesse (per l’entità di tali spese valgono le stesse disposizioni espresse nella sezione “Cancellazione o modifica dell’ordine”) ovvero di porre la merce in giacenza presso un centro a propria discrezione per un periodo massimo di tre mesi finché tale debito (inclusi i sopraggiunti costi di giacenza) non venga saldato da parte dell’utente.

Laddove il vettore incaricato dal mandatario preveda un rimborso anche parziale delle spese di trasporto in caso di spedizione non ritirata o consegnata in ritardo, tale rimborso verrà notificato all’utente e sottratto al costo di rientro della merce eventualmente sostenuto da quest’ultimo.

Spedizioni internazionali

Il sito spedizionecomoda.it permette l’invio di spedizioni internazionali. Ove la tipologia della merce inviata preveda il disbrigo di oneri doganali, è responsabilità dell’utente consegnare tutta la documentazione per lo sdoganamento della merce al sito spedizionecomoda.it, ed al vettore al momento del ritiro.

L’utente garantisce che la documentazione fornita è completa, autentica, priva di irregolarità, riflette in modo accurato e veritiero il contenuto della spedizione, è sufficiente per lo sdoganamento e conforme alle normative vigenti.

L’utente accetta il pagamento di ogni tassa doganale, importo doganale, dazio, importo di magazzino, penale, connessi allo sdoganamento della merce in conseguenza delle richieste dell’Autorità competente. Si fa anche carico di fornire a suo onere e spese, documentazione aggiuntiva eventualmente richiesta dall’Autorità competente nel corso nel processo di sdoganamento.

L’utente assume anche piena responsabilità civile e penale dove le informazioni fornite siano incomplete, non fedeli in modo preciso al contenuto della spedizione, false, se la documentazione per lo sdoganamento presenta delle irregolarità, o non è conforme alle normative vigenti.

L’utente accetta esplicitamente di manlevare e tenere indenne, facendosi carico di tutte le sanzioni civili e penali connesse, il sito spedizionecomoda.it in ciascuna di queste circostanze.

Per la normativa di riferimento sul disciplinamento delle spedizioni internazionali v. sezione “Normativa di riferimento”.

Imballaggio della merce

La merce deve essere imballata seguendo

I) le linee guida del sito spedizionecomoda.it
II) eventuali indicazioni inviate dal sito al momento o contestualmente alla sottoscrizione dell’ordine
III) in modo conforme ai seguenti criteri:

1) l’imballaggio deve essere effettuato in modo da proteggere adeguatamente la merce, in relazione alla natura ed alle caratteristiche materiali di essa.
2) l’imballaggio deve permettere la movimentazione da parte del vettore senza impedimenti, ovvero la merce deve essere interamente contenuta nell’imballaggio relativo e non deve includere parti mobili o separate, anche parzialmente, dall’imballaggio.
3) l’imballaggio deve prevenire qualsivoglia danno a persone o cose durante tutte le fasi del trasporto.
4) Se la merce consta di più capi, tutti i capi devono essere imballati in modo conforme a queste caratteristiche.
5) Se l’utente sceglie la tipologia di spedizione “pallet”, tutti i capi di cui si compone la spedizione devono essere impilati solidamente sulla piattaforma pallet ed imballati assieme in maniera unitaria.

Se la merce non viene imballata in modo corretto, anche se accettata dal vettore al momento del ritiro, l’utente non può avvalersi del rimborso. La determinazione della correttezza dell’imballo viene effettuata dal vettore e dall’assicuratore, e mandante e mandatario si attengono alla loro decisione.

Merci proibite e merci non coperte da assicurazione

Vi sono alcune tipologie di merci che spedizionecomoda.it non accetta per la spedizione in nessun caso (articoli proibiti) e altre che, pur potendo essere spedite mediante il nostro servizio, esulano dalla copertura assicurativa.

La lista completa degli articoli proibiti si trova in questa pagina https://www.spedizionecomoda.it/articoli-proibiti/.

La lista completa degli articoli che pur potendo essere spediti, esulano dalla polizza assicurativa, si trova invece in questa pagina https://www.spedizionecomoda.it/articoli-proibiti/.

Gli articoli proibiti si dividono in due categorie: quelli la cui spedizione è proibita dalla legge o che abbisogna di particolari precauzioni per essere attuata (ad es. armi, animali, alimenti) o quelli che sono vietati in riferimento al nostro servizio.

In entrambi i casi, l’utente che si avvale del nostro servizio di spedizione prende atto che potrà incorrere in sanzioni penali e civili relative a falsa dichiarazione.

Ove spedizionecomoda.it riscontri una spedizione di una merce proibita del secondo tipo, si regolerà come segue: se il vettore è abilitato al trasporto della merce e la merce può essere trasportata e consegnata senza pregiudizio, non interromperà l’attuazione del servizio, ma si riserva il diritto di rivalersi sull’utente per falsa dichiarazione, interdirà l’utente dal successivo utilizzo del sito web e del servizio da esso offerto, e chiederà all’utente il pagamento delle spese amministrative aggiuntive.

In riferimento invece alla spedizione di articoli del primo tipo, in aggiunta alla denuncia per falsa dichiarazione, l’utente sarà tenuto a risarcire spedizionecomoda.it per le eventuali sanzioni, danni penali e civili (inclusi danni morali) derivanti dalla spedizione di articoli proibiti e in connessione con essa (ad es. in riferimento a danno sofferto da altri soggetti fisici o giuridici coinvolti nella spedizione).

Sempre in questo caso, inoltre, la merce non verrà spedita a destinazione o riconsegnata al mittente, ma posta in giacenza a spese dell’utente in attesa di istruzioni da parte dell’autorità giudiziaria.

Danneggiamento della merce e rimborso

Il danneggiamento della merce deve essere denunciato al vettore al momento del ricevimento della merce, nonché contestualmente allo spedizioniere, ovvero, se la merce è stata ricevuta in un primo momento senza riserve, il danneggiamento della merce deve essere denunciato allo spedizioniere entro 8 giorni dalla data di ricevimento, se la spedizione è stata effettuata in ambito nazionale, in conformità all’art. 1698 c.c., entro 7 giorni dalla data di ricevimento se la spedizione è stata effettuata in ambito internazionale via terra (in conformità alla “Convenzione sul contratto per il trasporto Internazionale di merci su strada”, CMR) ed entro 21 giorni dalla data di ricevimento se la spedizione è stata effettuata in ambito internazionale via aerea (in conformità alla “Convenzione di Varsavia” o della “Convenzione di Montreal”).

Affinché l’utente possa avvalersi del rimborso, il danno deve essere direttamente imputabile al trasporto, e merce ed imballaggio devono essere messi a disposizione del vettore, dello spedizioniere o dell’assicuratore per verifiche e perizie. L’utente non può avvalersi del rimborso se la merce non è stata imballata in modo opportuno (v. sezione “imballaggio della merce”) anche se il vettore ha preso in carica la merce al momento del ritiro.

Il rimborso comprende anche la merce smarrita o oggetto di furto.

L’utente ha diritto al rimborso in caso di ritardo solo se, al momento dell’ordine, è stata comunicata l’essenzialità del termine (i.e., l’utente ha comunicato al sito spedizionecomoda.it che intende spedire la merce esclusivamente se vi è garanzia che arrivi entro una certa data) e se il mandatario non ha rinunciato al mandato, con conseguente revoca del contratto, a causa di tale clausola e prima che la spedizione sia stata presa in consegna.

In caso di consegna in ritardo la responsabilità di spedizionecomoda.it è limitata al solo rimborso del costo del servizio di spedizione acquistato sul nostro sito.

Rimborso per spedizioni non coperte da assicurazione

L’entità del rimborso per merci non coperte da assicurazione varia a seconda che la spedizione sia nazionale o internazionale, ed avvenga via terra o via aerea (poiché varia la normativa di riferimento).

Per le spedizioni nazionali, sia via terra sia via aerea, si fa riferimento all’art. 10 del Decreto Legislativo n. 286 del 21 novembre 2005, che prevede il rimborso di 1 euro per ogni kg di merce trasportata se danneggiata, smarrita o avariata.

Se la spedizione è internazionale ed avviene via aerea, il rimborso per smarrimento, avaria o danno, è fissato, in accordo alla Convenzione di Varsavia, a un massimo di circa 20 euro per kg.

Se la spedizione è internazionale ed avviene via terra, il rimborso per smarrimento o danno, è invece fissato, in accordo alla “Convenzione sul contratto per il trasporto Internazionale di merci su strada” (CMR) a un massimo di circa 10 euro per kg.

In tutti i casi l’importo massimo rimborsabile è di 100 euro.

Si consiglia di sottoscrivere una copertura assicurativa per tutelare le merci spedite mediante il nostro sito che eccedono questi valori.

Copertura assicurativa

Poiché il rimborso senza copertura assicurativa è esiguo per la maggior parte delle spedizioni, si consiglia di sottoscrivere una copertura assicurativa al momento dell’invio dell’ordine.

La copertura assicurativa non viene fornita di default al momento di sottoscrizione dell’ordine, né viene assegnata in modo automatico al momento della presa in consegna dell’ordine, e deve essere esplicitamente selezionata o richiesta dall’utente.

Affinché l’utente possa beneficiare del risarcimento, il danno deve essere direttamente imputabile al trasporto e per questo motivo sia il mittente sia il destinatario accettano di mettere a disposizione merce ed imballaggio per verifiche o perizie.

I criteri adottati per il disciplinamento della copertura assicurativa sono i seguenti:

1) L’importo massimo della copertura assicurativa è fissato a € 5.000,00

2) L’utente è tenuto ad assicurare la merce in relazione al valore effettivo di mercato, tenuto conto del fatto che l’eventuale risarcimento del danno effettuato dall’assicuratore non supererà il valore reale della merce al momento della spedizione.

3) In caso di stima inferiore al valore reale, il danno viene coperto in proporzione al valore assicurato della merce (cfr. art. 1907 c.c.)

4) La polizza, anche se è stata stipulata da parte dell’utente, non è valida se la merce è presente a) nella lista di “articoli proibiti”, b) nella lista degli articoli non assicurabili (se fornita dal sito) c) nella lista degli “articoli proibiti nelle spedizioni internazionali” se la spedizione prevede lo sdoganamento della merce, e d) nella lista di “articoli proibiti nelle spedizioni con trasporto aereo” se la spedizione prevede anche solo una tratta di trasporto aereo, sia internazionale sia nazionale.

5) La copertura del danno è limitata al valore del bene o parte di esso ma non comprende i danni indiretti o consequenziali derivanti da danneggiamento, ritardo o perdita della merce spedita, o quelli derivanti dall’inadempimento delle obbligazioni e garanzie dovute dall’utente in accordo al presente contratto.

Il risarcimento verrà effettuato sulla base della fattura di acquisto della merce (se è stata acquistata contestualmente alla spedizione ovvero se la merce è stata ritirata dallo spedizioniere entro 30 giorni dalla data di acquisto) oppure sulla base di una perizia del valore della merce da effettuarsi a carico dell’utente o dell’assicuratore. Se la merce non è nuova il risarcimento sarà equivalente all’importo minore fra sostituzione e riparazione del bene.€

Esclusioni di responsabilità e altre disposizioni contrattuali

1) Spedizionecomoda.it non accetta merci in contrassegno.

2) Date le liste di “articoli proibiti” (articoli la cui spedizione è vietata in tutti i casi) “articoli proibiti nelle spedizioni internazionali” (articoli che possono essere spediti solo da e verso l’Italia), “articoli proibiti nelle spedizioni con trasporto aereo” (articoli che non possono essere imbarcati su vettore aereo per le disposizioni relative a tale vettore) e “articoli non assicurabili”, se fornita dal sito (articoli per cui non può essere stipulata una polizza di assicurazione) l’utente/mittente che contravvenga a tali disposizioni lo fa a proprio rischio e assumendosi le responsabilità civili e penali connesse: in ciascuno dei casi elencati, l’utente terrà indenne lo spedizioniere per responsabilità, perdite e danni (incluse eventuali spese legali) che ricadano su quest’ultimo.

3) Ai sensi degli artt. 2755, 2761 e 2769 del Codice Civile, lo spedizioniere ha diritto di privilegio sulla merce per la riscossione di eventuali debiti che l’utente ha contratto nei suoi confronti. Lo spedizioniere si avvarrà di tale diritto nei casi in cui la merce non può essere consegnata al destinatario (per irreperibilità di quest’ultimo, o per il sopraggiungimento di ulteriori costi di spedizione richiesti dall’Autorità competente per il trasporto legale della merce che l’utente non ha intenzione di accollarsi) e se l’utente non abbia saldato i costi per il rientro della merce (inclusi i costi di giacenza) entro tre mesi dalla notifica di giacenza. Allo scadere dei tre mesi, lo spedizioniere si avvarrà del diritto di privilegio sulla merce limitatamente alla copertura del debito contratto dall’utente nei suoi confronti, con trasferimento dell’importo rimanente all’utente, se il valore della merce supera quello del debito nei suoi confronti (inclusi i costi di giacenza), ovvero si riserva il diritto di avviare le ordinarie azioni giudiziarie a tutela del proprio credito nel caso che esso superi il valore della merce.

4) Posto che il mandatario (il sito spedizionecomoda.it) è tenuto ad assolvere l’incarico di spedizione conferito dal mandante (l’utente del sito che acquista un servizio di spedizione offerto da esso) con diligenza, seguendo le indicazioni del mandante e tenendo informato quest’ultimo dello stato della spedizione, il mandatario non è direttamente responsabile del servizio del vettore, anche qualora sia stato scelto unilateralmente dal mandatario. Ciononostante, il sito spedizionecomoda.it, in conformità all’art. 1718 del Codice Civile, si impegna a tutelare i diritti del mandante rispetto al vettore, incluso il diritto che il mandante conserva di agire direttamente contro il vettore (in quanto sostituto del mandatario) in caso di danneggiamenti, perdite o danni imputabili al vettore.

5) Il sito spedizionecomoda.it non è responsabile per ritardi, perdita (incluso mancato recapito) o danneggiamento della merce che siano causa di eventi fortuiti e non prevedibili, quali (la lista ha carattere esemplificativo e non esaustivo) eventi naturali (incendi, neve, tempeste, terremoti, etc.), cause di forza maggiore (incidenti, scioperi, stati di allerta in spazi aerei, attacchi terroristici, etc.), sconvolgimenti nella rete di trasporto nazionale o internazionale; atti criminali di terze parti quali furto, rapina, incendio doloso; e qualsiasi altra causa imprevedibile o fortuita estranea alla responsabilità dello spedizioniere o di un suo sostituto, che possa ritardare o impedire l’adempimento del servizio.

6) Il sito spedizionecomoda.it non è responsabile per atti o omissioni sia del mittente (utente del sito spedizionecomoda.it o di chi in sua vece sia incaricato della consegna della merce al vettore da parte dell’utente), sia del destinatario, che siano causa di ritardo, perdita o danneggiamento della merce oggetto della spedizione. Tra tali atti, rientra il mancato adempimento delle obbligazioni che l’utente è tenuto ad osservare, come delineato dal presente contratto e come indicato dal sito spedizionecomoda.it.
In particolare l’utente è tenuto a:
a) fornire allo spedizioniere informazioni sulla spedizione complete e corrette (inclusa l’esistenza del destinatario all’indirizzo indicato e l’accertamento che quest’ultimo sia in grado di ricevere la merce).
L’utente deve inoltre assicurarsi che:
b) i documenti abbinati alla spedizione (altresì indicati come “lettera di vettura”) dove richiesti, siano completi, autentici e formalmente e legalmente corretti
c) la spedizione sia stata imballata secondo le disposizioni del presente contratto, e come indicato dal sito spedizionecomoda.it, e che sia l’imballaggio, sia il contenuto, non presentino vizi intrinseci tali da condizionarne il trasporto;
d) la merce oggetto della spedizione non sia presente nella lista di articoli proibiti presenti sul nostro sito (con riferimento all’ambito di applicazione di ciascuna) e non contravvenga le disposizioni dei regolamenti ADR (European Agreement Concerning the International Carriage of Dangerous Goods by Road), RID (International Carriage of Dangerous Goods by Rail), ADN (Carriage of Dangerous Goods by Inland Waterways), IMDG (International Maritime Dangerous Goods Code), ICAO (International Civil Aviation Organization) e IATA (International Air Transport Association) dove applicabili.
e) qualora la spedizione preveda il trasporto di dati personali, siano state adottate tutte le misure per garantirne la sicurezza e la riservatezza durante il trasporto.

7) Con riferimento all’art. 1419 del Codice Civile, la nullità parziale del presente contratto (ovvero qualora una delle disposizioni in esso contenute si riveli non conforme alla normativa vigente) non inficia la validità delle restanti disposizioni del presente contratto.

8) Nell’atto di sottoscrivere uno dei nostri servizi di spedizione, l’utente accetta di tenere indenne il sito spedizionecomoda.it, i vettori che hanno preso in carica il trasporto, o altro sostituto del mandatario, da qualsiasi reclamo che una terza parte interessata alla spedizione o alle merci che ne sono oggetto possa presentare verso il sito spedizionecomoda.it, il vettore, o altra parte coinvolta nell’erogazione del servizio. Nel caso che una terza parte interessata a qualsiasi titolo alla spedizione, o alle merci che ne sono oggetto, proponga un reclamo presso le autorità competenti, l’utente assume a proprio carico i costi per la tutela dello spedizioniere, del vettore, e delle altre parti coinvolte nella effettuazione del servizio.

9) Nell’atto di sottoscrivere uno dei nostri servizi di spedizione, l’utente accetta di tenere indenne il sito spedizionecomoda.it da ogni responsabilità civile e penale, incluse spese e costi legali, nei quali il sito spedizionecomoda.it possa incorrere nei confronti di terze parti o nei confronti dell’utente stesso, derivanti dalla violazione da parte dell’utente (o di un delegato dell’utente coinvolto da quest’ultimo in una o più fasi della spedizione) delle disposizioni o garanzie che egli è tenuto a rispettare in accordo ai termini del presente contratto.

10) Il sito spedizionecomoda.it non è responsabile per danni speciali, indiretti o consequenziali (a titolo esemplificativo ma non esaustivo: danni nella sfera personale e in quella professionale, come perdite di profitto, di reputazione, di investimenti, d’opportunità) derivanti dall’effettuazione del servizio di spedizione e da qualsivoglia altro servizio fornito mediante il sito.

Copyright e diritto d’autore

 

La società è il titolare del sito web spedizionecomoda.it, del codice del sito web, di tutto il materiale ivi pubblicato e dei marchi o segni distintivi del sito web, ove non diversamente indicato.

Tutti i relativi diritti d’autore sono protetti dalle leggi sulla proprietà intellettuale e sono da considerarsi riservati. Il sito web spedizionecomoda.it ed i contenuti relativi sono da intendersi per uso personale e finalizzati all’offerta, e relativa fruizione da parte degli utenti del sito, dei servizi di spedizione forniti tramite esso.

Qualsiasi riproduzione e distribuzione non autorizzata del sito web e del codice dello stesso, dei suoi contenuti, e dei marchi distintivi, anche solo parziale, verrà perseguita in sede civile e penale nei termini previsti dalla legge.

In particolare è fatto divieto di effettuare procedimenti di “ingegneria inversa” (reverse-engineering) sul codice del sito web, di “crawling” (download di una o più pagine del sito effettuato programmaticamente mediante software dedicato), di “framing” (visualizzazione del sito spedizionecomoda.it all’interno di un sito web esterno), nonché l’utilizzo su altri siti web di “meta-tags”, “hidden-tags”, “linked-data” o altro codice nascosto, contenente riferimenti al sito spedizionecomoda.it senza preventiva autorizzazione del titolare.

È consentito il salvataggio delle pagine web del sito spedizionecomoda.it per uso personale e in relazione alla fruizione del servizio da esso offerto.

È altresì consentita la menzione del sito spedizionecomoda.it e dei servizi da esso offerti su altri siti o testate giornalistiche, a titolo informativo e con riferimento ai servizi o contenuti da esso offerti.

Laddove un editore esterno intenda pubblicare materiale presente sul sito spedizionecomoda.it su altri siti web o altri media, è tenuto a contattare il titolare del sito all’email info@spedizionecomoda.it per ricevere l’autorizzazione ed accordarsi sui termini.

Foro competente

Il presente contratto è regolato dalla legge italiana e per qualsiasi controversia il foro competente stabilito è quello di Catania (Italia).

Normativa di riferimento

La normativa di riferimento è costituita (a titolo indicativo) dagli articoli del Codice Civile 1683-1702 (trasporto di cose), dal Decreto legislativo 286/2005 (con particolare riferimento all’art. 1696, in merito al risarcimento e all’art. 15 comma 1 del DPR 633/72, ove si evince l’esclusione dell’iva), dagli artt. 1703-1730 (disposizioni generali sul mandato), artt. 1737 – 1741 sul contratto di spedizione, artt. 1904-1932 (dell’assicurazione contro i danni), nonché dagli artt. 1321-1469 (dei contratti in generale, disposizioni preliminari), e dagli artt. 2755-2783 (dei privilegi sopra determinati mobili).

Inoltre, per il disciplinamento delle responsabilità nel caso di spedizioni internazionali, si fa riferimento (nel caso di trasporti per via aerea) alla “Convenzione di Varsavia”, stipulata a Varsavia il 12 ottobre 1929 o a tale Convenzione modificata o integrata da successive convenzioni o protocolli aggiuntivi; e alla “Convenzione per l’Unificazione di Alcune Regole Relative al Trasporto Aereo Internazionale” firmata a Montreal il 28 maggio 1999.

In caso di trasporti per via terrestre si fa invece riferimento alla “Convenzione sul Contratto di Trasporto Internazionale di Merci su Strada” (CMR), stipulata a Ginevra il 19 maggio 1956 (indicata altresì come “Convenzione CMR”).

Articoli di riferimento nella normativa di riferimento

A titolo indicativo e conformemente al nostro impegno alla trasparenza, si comunicano alcuni degli articoli del Codice Civile che disciplinano il presente contratto, e che tanto l’Utente/Cliente che il Sito internet/la società “” sono tenuti a rispettare.

(Contratto) Art. 1326: sottoscrizione del contratto; art. 1329 e 1331: irrevocabilità della proposta; art. 1341: condizioni generali di contratto; art. 1373: recesso unilaterale.

Nota in particolare: la “facoltà può essere esercitata finché il contratto non abbia avuto un principio di esecuzione”; artt. 1381 e 1382: indennizzo e limitazione del risarcimento; art. 1419: nullità parziale, con riferimento al secondo capo; art. 1453 e 1454 “Risolubilità del contratto per inadempimento” e “diffida ad adempiere”; art. 1456: risoluzione del contratto se una obbligazione non è compiuta secondo le modalità stabilite; art. 1457: dichiarazione della essenzialità del termine di esecuzione; art. 1463: impossibilità totale all’adempimento del contratto e restituzione dell’accredito.

(Trasporto) Art. 1683: informazioni che devono essere fornite al vettore. Nota capo 3: “Sono a carico del mittente i danni che derivano dall’omissione o dall’inesattezza delle indicazioni o dalla mancata consegna o irregolarità dei documenti.”; art. 1684: lettera di vettura; art. 1685: contrordine con rimborso delle spese sostenute; art. 1686: comunicazione tempestiva al mittente in caso di impedimenti o ritardi e diritto al rimborso delle spese sostenute da parte del vettore; art. 1687: modalità di consegna delle merci; art. 1689: diritti del destinatario nei confronti del vettore; art. 1690: impedimenti alla riconsegna; art. 1693: responsabilità da parte del vettore verso il mittente per la perdita o avaria delle merci; se il vettore accetta le merci non può rivendicare il vizio di imballaggio; art. 1696: calcolo del danno in caso di perdita o avaria.

Poiché “Il risarcimento dovuto dal vettore non può essere superiore a un euro per ogni chilogrammo di peso lordo della merce perduta o avariata nei trasporti nazionali ed all’importo di cui all’articolo 23, comma 3, della Convenzione per il trasporto stradale di merci, ratificata con legge 6 dicembre 1960, n. 1621, e successive modificazioni, nei trasporti internazionali” si consiglia l’utente di sottoscrivere una polizza di assicurazione per garantire la copertura dell’effettivo valore della merce spedita. Art. 1698: l’eventuale danno o avaria deve essere denunciato entro 8 giorni dopo il ricevimento, se la merce è stata ricevuta in un primo momento senza riserve.

(Mandato) Art. 1710: il mandatario è tenuto a eseguire il mandato con diligenza; art. 1712: il mandatario deve comunicare tempestivamente al mandante l’esecuzione del mandato; art. 1713: obbligo di rendiconto; art. 1718: “il mandatario deve provvedere alla custodia delle cose che gli sono state spedite per conto del mandante e tutelare i diritti di quest’ultimo di fronte al vettore, se le cose presentano segni di deterioramento o sono giunte con ritardo.”; art. 1720: “il mandante deve risarcire i danni che il mandatario ha subiti a causa dell’incarico”; art. 1722: il mandato si estingue fra l’altro per revoca del mandante, e rinunzia del mandatario; art. 1723: la revoca del mandato con carattere di irrevocabilità da parte del mandante prevede il pagamento dei danni, salvo che sia effettuata per giusta causa (v. anche articolo 1725); art. 1727: il mandatario è tenuto a risarcire il mandante se rinunzia senza giusta causa.

(Spedizione) Art. 1737: natura del contratto di spedizione; art. 1738: il mittente può revocare l’ordine di spedizione previa corresponsione al mandatario delle spese sostenute; art. 1739: lo spedizioniere è tenuto a seguire le istruzioni del committente o a operare nell’interesse del medesimo, ma non ha l’obbligo di assicurare la merce spedita.

(Assicurazione) Art. 1907: proporzionalità della copertura del danno per le merci assicurate; art. 1908: l’entità della copertura assicurativa non può eccedere il valore della merce al momento in cui è stata assicurata (ciò tuttavia non inficia la legittimità dell’assicurazione: v. art. 1909) ; la dichiarazione del valore non è una stima del valore; art. 1913: il danno o sinistro deve essere denunciato all’assicuratore entro 3 giorni dall’avvenimento; art. 1917: l’assicurazione copre anche eventuali responsabilità civili dell’assicurato in relazione al danno.

(Diritti sopra le merci) Art. 2755: i beni possono essere espropriati per coprire l’indebito, anche in riferimento ad eventuali diritti di terzi, e possono essere messi in vendita da parte del creditore; art. 2761: ribadisce l’articolo precedente in riferimento ai diritti del vettore e del mandatario in relazione alle merci oggetto del contratto di spedizione; art. 2769: sequestro della merce sottoposta a privilegio; art. 2778: gerarchia di applicazione dei privilegi; i crediti per risarcimento danni a beneficio dell’assicurato prevalgono sui crediti del vettore, del mandatario, del depositario e del sequestratario.

Nota bene: il precedente sommario della parte più rilevante della legislazione a cui si attiene il presente contratto ha unicamente valore informativo a beneficio delle parti, ma non ha, nel modo preciso in cui è formulato, valore legale ai fini di questo contratto.